Cronache da Brabau: Oristano-Cabras sola andata. Ovvero 30 anni per costruire un ponte, 3 giorni per boicottarlo con un labirinto di sensi unici.

labirinto1.gifProvate a raggiungere il Ponte di Brabau da Oristano. Come già ben sapete, da qualsiasi punto della città partiate, vi troverete a dover affrontare voragini degne del miglior safari, code ai semafori da grande metropoli e una raffica di sensi unici e deviazioni contrari a qualsiasi principio di gestione del traffico. Complicato per uno che a Oristano c’è nato e cresciuto, complicatissimo per un turista. Ma poi succede che al ponte ci si arriva e, una volta percorso, magari si decide di svoltare verso Cabras.  E allora si imbocca la strada appena inaugurata dalla giunta del comune lagunare; una circonvallazione di neanche un chilometro, due corsie larghissime, l’asfalto liscio come un biliardo e una pista ciclabile degna di questo nome. Si giunge quindi ad un’ampia rotonda che porta in via Leopardi la quale, in un batter d’occhio, permette di raggiungere il centro della cittadina in maniera estremamente scorrevole.

Il colpo d’occhio che si ha nel passaggio da Oristano a Cabras da l’idea di una differenza abissale, di un passaggio da una città allo sbando ad una civiltà normale, ordinata e razionale. Questo tragitto non è l’unico a evidenziare un divario che non è recente e non riguarda solo Cabras. Anche Santa Giusta è infinitamente preferibile a Oristano in quanto a gestione della cosa pubblica e non da ieri.

Un mio caro amico va da tempo sostenendo che Oristano è volontariamente tenuta in stato di sottosviluppo da un potentato filo-casteddaio che da anni la governa facendo attenzione a non disturbare gli appetiti della capitale sarda. A dire il vero è una credenza piuttuosto diffusa che però mi ha sempre lasciato perplesso, apparendomi più che altro un genersoso alibi verso la palese incapacità della politica oristanese. Ma gli effetti di una pluridecennale perseveranza in politiche autolesioniste comincia ad assumere contorni grotteschi anche per me.

Andrea Nonne

Tag: , , , , , , ,

Un Commento in “Cronache da Brabau: Oristano-Cabras sola andata. Ovvero 30 anni per costruire un ponte, 3 giorni per boicottarlo con un labirinto di sensi unici.”

  1. Valentino Brunzu Scrive:

    Salve,
    se siete passati sul famosissimo ponte, avete notato quanto sono pericolosi i giunti di dilatazione posti dietro le due curvate ??? Fanno scivolare l’auto….
    Vi prego, prima che succeda qualcosa di grave intervenite…….
    Vabbè che in trent’anni il Direttore dei lavori si sarà stancato di passare a controllare ma questi lavori non li controlla mai nessuno ?
    E possibile che spendano milioni di euro, per farci infrastrutture da terzo mondo….Vedi la superstrada 131…
    Vergognaaaaaaaaaaaaaaa

Lascia un Commento


Chiudi
Invia e-mail
Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok