Murgia, Sedda, Maninchedda. Sinora dagli unionisti solo legna, sarà forse ora di cambiare strategia?

2dipicche00.jpgCi ha provato Michela Murgia a correre insieme al movimento di Beppe Grillo, mandando inviti sempre più espliciti, sottolineando grandi differenze tra M5s e Pd/Pdl in una maniera ben poco comprensibile per il popolo indipendentista. “Manco per idea” si affretta a far sapere Manuela Serra dalle file dei grillini. “In bocca al lupo ma noi andiamo per la nostra strada”.

Ci stanno provando da mesi Paolo Maninchedda e Franciscu Sedda a partecipare alle primarie del centro sinistra con il loro Pds. Ufficialmente la coalizione non ha ancora degnato il Pds di una risposta ufficiale e definitiva ma i più hanno rivolto a Maninchedda una serie di concetti che si possono sintetizzare così: “sei appena uscito dalla maggioranza che sostiene Cappellacci, visto che siamo buoni  e visto che i voti non puzzano mai, un posto in colazione te lo lasciamo e ti fai cinque anni di purgatorio, ma di correre alle primarie non pensarci nemmeno”.

I trattamenti ricevuti dai nostri, dimostrano meglio di qualsiasi altro ragionamento il peso che le istanze indipendentiste avrebbero nelle coalizioni unioniste. Forse è il caso di riflettere su questi tentativi di alleanza, basati sulla speranza di trovare l’indipendentismo nell’unionismo. Forse è il caso di osservare quali siano stati i frutti dell’accordo programmatico psd’az/cdx del 2009. E forse non è ancora troppo tardi per riportare le diverse anime dell’indipendentismo riformista all’interno di un’alleanza da contrapporre alle coalizioni unioniste. Magari non si vincerà a questo turno ma se non altro si smetterà di perdere. Tempo e fatica.

Andrea Nonne

leggi anche:

Cari amici di Progres, se via alleate con i grillini cosa vi differenzia dai sovranisti?

Ancora su Progres e M5S. Cosa ha detto davvero la Murgia?

Tag: , , , , , , , , ,

4 Commenti in “Murgia, Sedda, Maninchedda. Sinora dagli unionisti solo legna, sarà forse ora di cambiare strategia?”

  1. MESU 'E RIOS Scrive:

    Dai compagni unionisti-italioti non legna ma sempre e solo legnate (a dolu mannu nostru)

  2. MESU 'E RIOS Scrive:

    Dai compagni unionisti-italioti non legna ma sempre e solo legnate.

  3. Renato Orru' Segr Distr PSDAZ Scrive:

    … Ok, il concetto, nella sua interezza non solo e’ condivisibile … Ma pure giusto… e tra le altre cose anche già sperimentato (in parte):2001 e 2004 ( Giunta Soru ) dal PSDAZ con SNI… E se fossimo nella condizione di avere un consolidato del 17% si andrebbe sicuramente da solo avendo le spalle coperte. Ora però, occorre considerare che non abbiamo una legge elettorale che ci aiuti … Non siamo in Catalogna con un maggioritario secco … Abbiamo anche partiti non in grado di eleggere nessuno ma capaci di porre pregiudiziali talmente pesanti che non ti permette ne di fare testimonianza e ne di portare risultati elettorali degni di nota : solo denigrazione da coloro che dovrebbero far parte della squadra. VediAndrea , secondo il mio punto di vista, non è la ricerca dell’ indipendentismo attraverso l’ unionismo la matrice delle alleanze basate su aspetti programmatici, che il Psdaz prima (… tutti gli altri a seguire DOPO … dopo che per anni hanno gridato al tradimento ), ha PERSEGUITO UTILISTICAMENTE , ma l’esigenza di allargare quella platea di indipendentisti/sovranisti che ancora non sa di esserlo. Certo, si potrebbe confluire in un blocco Indy a trazione posteriore Psdaz , ma occorrerebbe o mascherare i simboli o stare sotto un logo con liste miste (…. Facile ?) .Chiedendo al partito più forte di rinunciare al simbolo e a quei 30 mila di voti di clan familiari sardisti ,a quello zoccolò duro di Immortali che il simbolo garantisce con la sola presenza nella scheda elettorale . Ho partecipato al LAB Gallura e ho sentito cosa dicono …. Al momento non c’è interesse all’ unità Indy… è ancora presto … Ma forse, chissà … Salterà fuori qualche sorpresa …?..B|

  4. Renato Orru' Segr Distr PSDAZ Scrive:

    … Ok, il concetto, nella sua interezza non solo e’ condivisibile … Ma pure giusto… e tra le altre cose anche già sperimentato (in parte):2001 e 2004 ( Giunta Soru ) dal PSDAZ con SNI… E se fossimo nella condizione di avere un consolidato del 17% si andrebbe sicuramente da solo avendo le spalle coperte. Ora però, occorre considerare che non abbiamo una legge elettorale che ci aiuti … Non siamo in Catalogna con un maggioritario secco … Abbiamo anche partiti non in grado di eleggere nessuno ma capaci di porre pregiudiziali talmente pesanti che non ti permette ne di fare testimonianza e ne di portare risultati elettorali degni di nota : solo denigrazione da coloro che dovrebbero far parte della squadra. VediAndrea , secondo il mio punto di vista, non è la ricerca dell’ indipendentismo attraverso l’ unionismo la matrice delle alleanze basate su aspetti programmatici, che il Psdaz prima (… tutti gli altri a seguire DOPO … dopo che per anni hanno gridato al tradimento ), ha PERSEGUITO UTILISTICAMENTE , ma l’esigenza di allargare quella platea di indipendentisti/sovranisti che ancora non sa di esserlo. Certo, si potrebbe confluire in un blocco Indy a trazione posteriore Psdaz , ma occorrerebbe o mascherare i simboli o stare sotto un logo con liste miste (…. Facile ?) .Chiedendo al partito più forte di rinunciare al simbolo e a quei 30 mila di voti di clan familiari sardisti ,a quello zoccolò duro di Immortali che il simbolo garantisce con la sola presenza nella scheda elettorale . Ho partecipato al LAB Gallura e ho sentito cosa dicono …. Al momento non c’è interesse all’ unità Indy… è ancora presto … Ma forse, chissà … Salterà fuori qualche sorpresa …?.. B|

Lascia un Commento


Chiudi
Invia e-mail
Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok