Tre consigli per un Partito Nazionale Sardo

Segue da Partito Nazionale Sardo? Io ci sono.

dms_winning_team.jpgMa quali caratteristiche dovrebbe avere un Pns in grado di ricompattare l’indipendentismo e costruire un’ alternativa concreta ai poli unionisti nello scenario politico sardo? Mi permetto di sottolineare tre punti particolarmente importanti per la costruzione di un’ idea per la quale mi batto da tempi non sospetti:

  1. Ne ho già parlato nella prima parte di questo pezzo ma voglio ripetermi. E’ assolutamente necessario coinvolgere Progres e Psd’Az con una trattativa aperta che renda evidente e palese agli occhi degli elettori chi è contrario a questa prospettiva tra i partiti e nei partiti;
  2. bisogna scongiurare da subito il rischio che questa convergenza si esaurisca all’indomani del voto. Di una lista elettorale per un seggio in consiglio la Sardegna non se fa niente. La Sardegna ha bisogno di un nuovo soggetto politico inclusivo verso tutto l’indipendentismo riformista ma alternativo rispetto ai poli unionisti. Regole chiare sottoscritte da tutti; partito aperto e struttura democratica e trasparente. Solo così un partito può diventare quella macchina capace di coniugare in maniera costruttiva l’interesse personale dei candidati forti con la passione politica della base e gli interessi della collettività. A livello di comunicazione è necessario mettere via i vecchi simboli e costruire una forte immagine unitaria e moderna. Anche i leader devono fare un passo indietro laddove non supportati da un consistente seguito elettorale;
  3. é necessario evitare un posizionamento politico troppo ristretto per accogliere l’indipendentismo riformista sardo in tutta la sua ampiezza. L’approccio migliore da questo punto di vista è quello liberale in quanto concentrandosi sull’uomo e sulle soluzioni più che sulle contrapposizioni ideologiche è quello più adeguato per far convivere e convergere posizioni diverse. Non a caso attualmente il liberalismo democratico europeo ospita un ventaglio di posizioni che va dal liberismo classico, al socialismo, passando per eccellenze dell’indipendentismo come il Pnv basco e il Cdc catalano; sempre all’interno dell’europeismo e dell’integrazione federale europea. Da questo punto di vista anche la storia del Psd’Az, che con tutti i suoi difetti è stato spesso capace di una produzione politica innovativa nel coniugare libertà individuale e giustizia sociale, è un precedente importante.

Andrea Nonne

Tag: , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un Commento


Chiudi
Invia e-mail
Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok