Tag articoli ‘murgia’

Il perchè del mio voto disgiunto a Mauro Pili Presidente e Pierluigi Annis di Progres

venerdì, 14 febbraio 2014

Chi frequenta questo blog dovrebbe conoscere il mio pensiero sulla politica sarda. Negli ultimi tre anni ho affermato con forza la necessità di costruire un grande Partito Nazionale Sardo capace di coniugare e mettere in sinergia le prioritarie esigenze della collettività, la fondamentale passione degli attivisti e l’inevitabile ambizione dei candidati. Allo stesso tempo ho messo in guardia, sin dal 2011, dai rischi insiti nell’operazione sovranista e soprattutto dal perverso processo cannibalista che sempre più prendeva piede all’interno dell’indipendentismo. Nessuno si dovrebbe meravigliare se, a pochi giorni dal voto, guardo con poco entusiasmo l’attuale scenario politico. Con i partiti italiani ai minimi storici di fiducia, con i grillini fuori dai giochi per super democratica scelta del loro super democratico padrone, con quello studio scientifico che dava il 40% dei sardi interessati all’opzione indipendentista, c’erano tutti i presupposti non dico per vincere a man bassa, ma quantomeno per costituire un sistema politico tripolare tale da piazzare l’indipendentismo nelle istituzioni per confrontarsi nei prossimi anni ad armi pari con i due poli unionisti. E invece eccoli li i protagonisti della tragica diaspora indipendentista che abbiamo vissuto in questi anni. Tutti posizionati nella miglior posizione disponibile per una poltrona in consiglio o in giunta. Questo per ora è il risultato visibile di anni di lotte e divisioni incomprensibili ai più e di frasi assurde come “l’indipendentismo non è un’ideologia” (ma leggersi Simon Mossa prima di dire certe vaccate no?),  “l’esistenza di tante sigle indipendentiste è una ricchezza” (salvo poi allearsi con partiti e civiche di chiara matrice unionista) e via blaterando.

In un contesto di questo tipo mi è impossibile votare tanto i sovranisti quanto i sardisti. Ho già spiegato più volte che ritengo Pd e Pdl responsabili di gran parte della mala politica sarda come ho evidenziato per la vertenza trasporti, dove gli eurodeputati di entrambi i partiti hanno privilegiato gli interessi di una cordata imprenditoriale a quelli di un intero territorio. Ho anche spiegato che Francesco Pigliaru, per quanto personaggio degno del massimo rispetto e della massima stima, è forse il Presidente meno adatto per un’alleanza basata su aspettative sovraniste, essendosi dichiarato ripetutamente ostile al decentramento di poteri dallo stato italiano alle regioni più deboli. Del resto non posso certo votare i zonafranchisti visto che son stato tra i primi a denunciare i limiti di realizzabilità e di utilità della zona franca integrale rispetto a strumenti più praticabili e proficui come la zona franca logistica e/o fiscale. Ammiro infine la coerenza e l’impegno degli amici del  Fronte Indipendentista Unidu ma, oggettivamente, la distanza politica che mi separa da loro su temi come Europa, stato,  mercato, diritti, opportunità e libertà è troppa perché io possa votarli.

354x354xfrt3820-354x354pagespeedicsgiya2hu_z.jpgVoterò invece Progres. Penso che il partito si sia distinto da altre sigle indipendentiste, scegliendo da subito di proporsi come alternativo ai partiti italiani, e candidando persone molto valide dal punto di vista dell’impegno, della preparazione e della credibilità. Assegnerò la mia preferenza a Pierluigi Annis perché lo ritengo la persona più adatta a rappresentare le istanze della provincia di Aristanis. Stesse considerazioni valgono per Ilaria Mura, sempre candidata nelle file di Progres. Non darò invece il mio voto alla candidata Presidente Michela Murgia. Nulla di personale contro di lei ma intendo negare il mio voto alla coalizione per l’assurda scelta di chiudere con largo anticipo le porte alle altre forze indipendentiste per chiudere un’ alleanza con due liste civiche riconducibili a Valentina Sanna, Presidente di quel Pd oppositore di tutte le prese di posizione indipendentiste viste in consiglio nell’ultima legislatura, e a Romina Congera che al pari della Sanna ha dichiarato 58519_10202988340340084_1214999874_n.jpgpiù volte di non essere indipendentista. Del resto la stessa Murgia ha ricordato di non avere l’indipendenza della Sardegna in agenda. Visto che quindi Sardegna Possibile è chiaramente una colazione mezzo indipendentista mi sembra la cosa più sensata approfittare del disgiunto con un mezzo voto. Spero che gli attivisti di Progres, in cuor loro, siano i primi ad essersi resi conto dei limiti di un’ operazione che li ha proiettati a loro insaputa nell’alveo della sinistra  e che ha inasprito la rivalità tra indipendentisti in misura esponenziale. Allo stesso modo mi auguro che gli attivisti di Aristanis riflettano sull’errore che hanno commesso decidendo di non dare all’esperienza di Aristanis Noa il giusto peso, promuovendolo come modello da replicare su scala nazionale.

572.jpgIl mio voto per la presidenza andrà invece a Mauro Pili. Ritengo che la sua scelta di rottura con i partiti italiani vada non solo nella giusta direzione ma rappresenti una delle scelte politiche più coraggiose e oneste che abbia mai visto in politica. Le sue liste sono composte da persone per bene attive nella società, nell’impresa e nel lavoro. I tanti che l’hanno accusato di  opportunismo dovrebbero registrare l’isolamento che ha subito da parte delle stessa stampa che, fino a quando militava nel Pdl, lo sosteneva a gran voce. Apprezzo alcune cose del suo programma, altre meno, ma lasciatemi dire che un Pili ormai ad un passo dall’indipendentismo rappresenta una grande risorsa per la Sardegna e io intendo premiare questa scelta. Inoltre, a differenza della Murgia, Pili ha messo sul campo un’opzione indipendentista per la prossima legislatura. Apparentemente è un indipendentismo finalizzato ad una strategia rivendicazionista. Ma a ben vedere potrebbe rivelarsi l’esatto opposto.

Andrea Nonne

Su indipendenza e cessione di sovranità la mia risposta a Pigliaru e ai sovranisti.

domenica, 26 gennaio 2014

francesco-pigliaru1-1.jpgSegue da  “Cari sovranisti ma voi cosa ci fate con Pigliaru?”

Veniamo ora al secondo punto, ovvero alla comparazione tra la situazione europea e quella statunitense. Su questo punto rimando anche alla risposta di Daniele Addis. Pigliaru cita Krugman e io concordo con l’economista americano sul fatto che gli Usa, nella reazione alla crisi, hanno mostrato tutta la loro superiorità rispetto all’Ue, sia in termini di competitività sia in termini di difesa dalle spinte speculative ribassiste. Resta da capire se il modello dello stato federato a stelle e a strisce abbia caratteristiche dimensionali e organizzative più simili a quello dei grandi stati nazionali europei come Germania, Francia, Italia e Spagna o se invece non somigli di più a quello tipico delle nazioni senza stato o delle piccole repubbliche europee. Se per la dimensione utilizziamo come criterio la dimensione della popolazione scopriamo subito che la popolazione media tra i cinquanta stati Usa è di poco superiore ai sei milioni di abitanti, un dato molto vicino a quello di Scozia e Irlanda ma soprattutto distante anni luce da quello degli stati nazionali europei, specie se si pensa che lo stato americano più popolato è proprio la California citata da Pigliaru che però ha meno della metà degli abitanti della Germania. Notevole inoltre scoprire che ben dodici sono gli stati americani con un numero di abitanti inferiore a quello della Sardegna e di questi sette hanno meno di un milione di abitanti. Il confronto non cambia se come parametro si utilizza la dimensione dell’economia. Se infatti è vero che i pochi stati che concentrano gran parte del Pil americano hanno valori simili a quelli dei grandi stati europei, confrontando il dato del 2011 scopriamo che ben otto stati americani hanno un Pil inferiore a quello della Sardegna. Anche dal punto di vista istituzionale e organizzativo viene naturale pensare che gli stati americani rispondano ad un modello molto più simile a quello che può avere un’attuale nazione senza stato, magari dotato di poteri federali o autonomistici, che non a quello dei grandi stati nazionali. La ragione di ciò è facilmente comprensibile, fino a poco tempo fa gli stati nazionali detenevano la sovranità su tutti gli aspetti della loro politica ed è proprio questa tendenza all’autarchia amministrativa che oggi va a creare i conflitti con l’Ue. Durante i tesissimi vertici europei sentiamo sempre i nomi di Merkel, Letta e Hollande e non certo quelli di Rutte o Anastasiades. Se quindi ha ragione Krugman a rimarcare la maggiore stabilità economica derivante da un’organizzazione come quella in vigore negli Usa, è d’obbligo evidenziare che il nobel statunitense non ha mai detto che il problema dell’integrazione europea sono le piccole nazioni che ambiscono a governarsi insieme agli altri stati europei. Sarebbe più interessante riflettere sul fatto che il centralismo degli stati nazionali, che spesso ha usurpato le minoranze nazionali contenute nei rispettivi confini, è lo stesso male che oggi crea tanta difficoltà alla creazione di un’Europa forte e coesa.

La terza affermazione di Pigliaru sostanzialmente argomenta sul fatto che più un’economia è piccola, più deve fare scelte di specializzazione forti, cosa che ne aumenta la volatilità. Discordo in parte da questa affermazione per diverse ragioni. In primo luogo la volatilità di un’economia è si influenzata dalla sua dimensione ma anche da altri fattori. Ad esempio una piccola repubblica può vedere limitati i rischi di volatilità se dotata di un robusto mix di settori ciclici e anticiclici e di produzioni in cui le economie di scala e dimensione non siano tra i fattori cruciali del business. In Sardegna, ad esempio, un sistema competitivo potrebbe trovare due ottimi motori di crescita in un settore marcatamente sensibile al ciclo economico come il turismo e in uno solidamente anticiclico come quello agro-industriale. Sono anche sicuro che una federazione europea di stati di dimensione medio-piccola, con volatilità maggiori rispetto a quelle degli attuali grandi stati, avrebbe maggiori stimoli verso il trasferimento in sede comunitaria di quelle competenze di welfare e fiscalità indispensabili a creare quei meccanismi di armonizzazione e compensazione tanto invocati nell’attuale dibattito economico. Insomma oggi come ieri, indipendentismo e integrazione europea sono due facce della stessa medaglia con un unico grande scoglio, il centralismo dei grandi stati nazionali. Un ulteriore motivo per cui non condivido l’affermazione di Pigliaru è che la Sardegna italiana negli ultimi decenni ha fatto scelte di concentrazione di prodotto e mercato talmente forti e fallimentari da poterci fare un caso da manuale. Senza neanche citare il disastroso petrolchimico è sufficiente ricordare che la Sardegna italiana è quella che si è illusa di poter campare vendendo il grattugia agli americani e il turismo di lusso agli italiani. Due fortissime scelte di specializzazione prodotto/mercato i cui risultati sono sotto gli occhi tutti.

Andrea Nonne

Cari sovranisti ma voi cosa ci fate con Pigliaru?

sabato, 25 gennaio 2014

310x0_1389014694520_pigliaru.jpgPersonalmente ho grande stima di Francesco Pigliaru. Ne ammiro la competenza,mi sembra una persona onesta e come me è un convinto sostenitore dell’Ue e dell’euro. Da assessore ha ottenuto importanti risultati in termini di riduzione della spesa e ha mostrato una buona capacità di intercettare la congiuntura economica internazionale con importanti risultati in termini di lotta alla disoccupazione. Inoltre da anni sul web e sulla stampa svolge una lodevole attività divulgativa. Quello che voglio dire è che, se non fossi indipendentista, probabilmente riterrei Pigliaru un ottimo Presidente. Ma essendo indipendentista rilevo una sostanziale e incolmabile distanza tra la mia prospettiva per il futuro di questa terra e la sua. E’ sufficiente infatti un rapido sguardo al sito di Pigliaru per accorgersi che il suo cavallo di battaglia è proprio la critica al decentramento e all’attribuzione di poteri alle regioni in difficoltà, critiche a cui ha spesso risposto Adriano Bomboi nel suo blog Santazione.eu. L’opinione di Pigliaru è pienamente legittima e anzi mi auguro che riesca a dimostrare le sue convinzioni in caso di vittoria. Tuttavia gli amici sovranisti, accorsi in gran numero nella colazione di centro sinistra, mi dovrebbero spiegare cosa politicamente pensano di ottenere da un Presidente che, fatte salve le ragioni di stima che ho appena espresso, negli ultimi diciotto mesi ha dedicato il 15% degli articoli pubblicati sul suo blog a criticare il decentramento dei poteri dallo stato alle regioni più deboli. Non parliamo poi del fatto che i sovranisti siano stati incapaci persino di compattarsi tra loro all’interno della colazione, svilendo in questo modo il potere contrattuale delle loro proposte.

Ma torniamo a Pigliaru e ai suoi articoli. Il più celebre fu pubblicato nel giungo del 2012 da La Nuova Sardegna e ricevette delle ottime risposte da parte di Omar Onnis e dallo stesso Paolo Maninchedda ma credo ci sia lo spazio per sviluppare e riaprire il dibattito. Il ragionamento di Pigliaru si può sintetizzare in 3 affermazioni:

1) la crisi dell’euro richiede cessione di sovranità dagli stati all’Unione e questo va in direzione opposta rispetto all’indipendentismo;

2) gli Usa sono da questo punto di vista un ottimo modello;

3) la dimensione ridotta di un’economia ne aumenta la volatilità.

Il primo punto è il meno interessante e ripete per l’ennesima volta  la vecchia e inconsistente equazione indipendentismo=separatismo=antieuropeismo. Per l’ennesima volta è necessario ricordare che l’indipendentismo sardo nasce come federalista europeo sin dalle sue radici sardiste del primo novecento oltre che da quelle presardiste di metà ottocento. Quindi mentre gli stati nazionali consolidavano il loro modello egemonico, coloniale e centralista che da li a breve avrebbe dato sfoggio di tutta la sua nocività portando il mondo ad un passo dall’olocausto per ben due volte nel giro di vent’anni, il sardismo già nasceva con le idee ben chiare su quanto fosse indispensabile federare i popoli europei in un organismo sovrastatale; chiarezza di idee ereditata puntualmente da Simon Mossa e giunta completamente intatta a quasi tutto l’indipendentismo dei giorni nostri. C’è poco da aggiungere se non rimandare alla smisurata secolare letterattura in materia. Molte di queste tematiche si possono trovare in un documento pubblicato in estate da Giuseppe Melis e dal sottoscritto. Non posso fare a meno però di riportare un curioso aneddoto.  Tutte le volte che sento qualcuno equiparare l’indipendentismo sardo ad un processo separatista antistorico mi viene in mente Benito Mussolini: correva l’anno 1922 quando il Duce lanciava le suddette accuse al Psd ’Az a seguito di un articolo pubblicato sul Solco da Luigi Battista Puggioni. In verità, l’articolo del giornale sardista tutto era tranne che separatista se si pensa che ciò che l’autore teorizzava, sulla scia di Egidio Pilia, era la nascita di una Federazione Mediterranea capace di riunire Sardegna, Corsica, Baleari, Catalogna e Sicilia nella loro aspirazione all’autogoverno rispetto al soffocante egemonismo degli stati nazionali.

Continua in “Su indipendenza e cessione di sovranità la mia risposta a Pigliaru e ai sovranisti”

Andrea Nonne


Chiudi
Invia e-mail
Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok