Tag articoli ‘online’

Al mio esordio nelle gare di trading un undicesimo posto che sa di vittoria.

sabato, 7 dicembre 2013

dsc05614.JPGPer la prima volta dopo tre anni abuso di questo blog e pubblico qualcosa di personale. La verità è che sento forte l’esigenza di esternare la mia gioia per un risultato che mi ripaga di tanto lavoro. Come anticipato nel titolo mi sono classificato undicesimo nel forex contest organizzato da Activ Trades, primaria società di brokeraggio di livello europeo. Il contest consisteva in una competizione di trading online sui cambi delle valute, effettuata con soldi veri, con 127 trader iscritti. Si è svolto dal 23 settembre al 29 novembre e in questo periodo ho conseguito un rendimento lordo del 5,72% rispetto al capitale iniziale. Guardando la classifica si potrebbe dire che il risultato è si discreto ma non giustifica il mio stato di esaltazione. Eppure i motivi per cui venerdì scorso sono andato a dormire con la sensazione di aver vinto la champions segnando il gol decisivo all’ultimo minuto di recupero sono tanti. Innanzitutto la classifica stessa non è male; è vero che ho 10 trader davanti con risultati in alcuni casi sorprendenti, ma è pure vero che dietro di me ci sono ben 116 concorrenti e il mio rendimento del 5,72% corrisponde su base annua ad un 30% pieno, risultato in linea con quelli conseguiti dai migliori fondi di gestione. Il paragone mi sembra realistico visto che il mio profitto non è frutto di poche operazioni casuali ma di un numero abbastanza elevato di compravendite.

C’è poi da dire che faccio trading da poco. Ho cominciato a giochicchiare circa due anni fa e ho fatto la mia prima vera operazione nel febbraio 2012, quando comprai delle azioni Unicredit proprio nel momento in cui segnavano il massimo. A pochi minuti dal mio ingresso mi crollò tutto addosso. Ne uscii dopo diversi giorni con una perdita del 15%. Un massacro. Oggi, ripensandoci, credo che quella dolorosa esperienza sia stata davvero istruttiva, sia per come ha inciso sul mio approccio alla borsa e sia per il forte stimolo che mi ha dato ad impegnarmi nello studio del trading. Ma sicuramente, se in quel momento mi avessero detto che un anno e mezzo dopo avrei sfiorato la top ten del Gotha del forex trading, non ci avrei creduto.

Ma c’è dell’altro. Io non ho mai tradato seriamente le valute prima di questo concorso. Mi sono iscritto convinto di poter operare sui metalli preziosi, per i quali in primavera ho messo a punto alcuni sistemi interessanti. Invece il broker mi ha confermato che il concorso era limitato alle sole valute e il mercato delle valute è un mercato che non mi piace; faccio fatica a trovare dei trend ben definiti se non nel breve periodo dove però, lavorando tutto il giorno, ho poche possibilità di operare. In un contesto per me tanto insidioso e privo degli strumenti che utilizzo solitamente sui futures e sulle azioni, l’unica possibilità che avevo era quella di muovermi con estrema prudenza. Ho utilizzato una piccolissima parte del capitale a disposizione, ho selezionato le operazioni limitandomi a situazioni in cui il rapporto rischio/rendimento fosse vistosamente a mio vantaggio, cosa che mi ha permesso di tagliare radicalmente le perdite, e mi sono astenuto dall’operare quando, verso la metà di novembre, i cambi fin li utilizzati hanno cominciato ad assumere andamenti per me incomprensibili. Quest’ultima scelta mi ha permesso di guadagnare 10 posizioni nel finale di campionato, semplicemente stando fermo. Il confronto con la classifica dell’edizione 2012 mostra in modo impietoso che quest’anno le condizioni di mercato hanno trasformato il contest in un massacro, specialmente nell’ultimo quarto di gara. Questa forse è in definitiva la cosa che mi fa più piacere; l’essere riuscito a progettare un metodo con una qualche efficacia e avere avuto la costanza di seguirlo sino in fondo. Unico piccolissimo rimpianto, quello di non aver utilizzato un po di capitale in più. Raddoppiare il profitto, col senno di poi, era un risultato alla portata. Ma del senno di poi…

Andrea Nonne


Chiudi
Invia e-mail
Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok